Breaking news:
In scena a Portogaribaldi - 48 morto che parla Nei giorni 23, 24 e 25 marzo 2017, torna in scena con un nuovo lavoro “ La Famia ad ... - 02 Mar 2017
GF Market GF Market è un negozio di alimenti biologici, senza glutine e senza lattosio, ... - 27 Feb 2017
Farmacia San Cassiano La nuova farmacia San Cassiano di Comacchio, situata nel quartiere Raibosola in Viale ... - 27 Feb 2017
PINOCCHIO E CAPPUCCETTO ROSSO IN SCENA A PORTO GARIBALDI La compagnia Nata Teatro protagonista d'eccezione per l'ultimo appuntamento con Junior! ... - 22 Feb 2017
Autocarrozzeria S & G - Soccorso Stradale Autocarrozzeria S & G svolge attività di soccorso stradale anche notturno e ... - 28 Dic 2016
Venerdì, 25 Marzo 2016 13:06

Videosorveglianza nei servizi educativi

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
Il 21 marzo scorso si è svolto presso il nido comunale d'infanzia "il giglio " l'incontro rivolto ai genitori sul tema "telecamere nei servizi per l'infanzia", condotto da Silvia Senigalliesi, psicopedagogista del Centro per le famiglie del Delta la Libellula.

L'argomento di grande attualità, rimbalzato dai media nazionali ai social network, dopo recenti, incresciosi fatti di cronaca avvenuti in alcune località italiane, è molto sentito anche a Comacchio. Alcune mamme del territorio sono promotrici insieme ad altre di una raccolta di firme a livello nazionale, tesa a richiedere l'installazione delle telecamere negli asili. Buona è stata la partecipazione all'incontro, visto l'interesse suscitato dal tema del videocontrollo nelle strutture educative.

L'argomento non costituisce un tabù nè per il Comune di Comacchio, rappresentato dalla coordinatrice pedagogica Patrizia Buzzi, responsabile del servizio Pubblica Istruzione, nè dalla Cooperativa sociale Girogirotondo, che gestisce la struttura, rappresentata per l'occasione dal direttore Carla Carli e dalla coordinatrice pedagogica Agnese Malpeli e dal personale educativo. L'incontro si è svolto in un clima molto sereno e disteso, grazie ad un confronto franco e costruttivo.

Obiettivo principale è stato quello di porre al centro  la relazione di fiducia e di delega tra i genitori e le educatrici dei loro figli.

ScuolaSi è ribadito quanto al centro del progetto pedagogico dei servizi per l'infanzia comunali ci sia sempre il bambino e il suo benessere, alla base del quale è fondamentale che famiglia e scuola costruiscano un'alleanza educativa per far si che i bimbi trascorrano serenamente la loro giornata al nido. Il nido è stato concepito come servizio che produce e dissemina cultura educativa per l'infanzia, inserito a sua volta nella rete dei servizi per la prima infanzia della Regione Emilia Romagna, che vanta i servizi  educativi più innovativi e di qualità a livello mondiale. 

Si è ritenuto fondamentale non limitare il dibattito sull'argomento  ai soli social network, dove si è sviluppato, ma di  calarlo  in un contesto reale, in un servizio vero come quello del nido,   in cui genitori e professionisti dell'educazione possono parlarsi guardandosi in faccia,  perchè argomenti  importanti come questo richiedono un dibattito serio ed approfondito,scevro di strumentalizzazioni con vuoti di confronto critico a scapito dell'ascolto reciproco, dello scambio attraverso la parola, il rispetto dell'opinione altrui, oltre che della propria. Quelli citati sono i limiti dello scambio di vedute che prende origine sui social network.

Grazie alla professionalità e alla preparazione di Silvia Senigalliesi e all'intervento competente delle educatrici, i genitori hanno potuto focalizzare cosa significa ENTRARE in un nido per un bimbo,  quanto sia  delicato il momento che attraversa  con la mamma ed il papà, quando quando viene affidato  ad un'altra persona  fino a quel momento sconosciuta. Il piccolo  prima di riconoscerla e fidarsi piange e  quindi va colto il significato di quel pianto, occorre saperlo distinguere da un pianto di un bambino che vive una situazione di disagio profondo o di eventuale maltrattamento.

Durante l'incontro e' stata inoltre affrontata  l'importanza che riveste questo passaggio per la crescita cognitiva psciologica di un essere umano e quanto sia determinante la presenza attorno al bambino dei genitori e di personale educativo che lavora in sintonia e in accordo con la famiglia. La relazione di accordo e fiducia si costruisce, passo dopo passo, attraverso momenti di facili comprensioni ed attraverso domande per risolvere dubbi, e quindi in primis attraverso il dialogo aperto e costruttivo, modalità di approccio che il personale del nido "Il giglio" mostra da sempre nella sua offerta educativa e professionale.

La conclusione alla quale si è giunti è quella secondo cui le telecamere non risultano una necessità, ma non sono escluse per un futuro, qualora se ne ravvisasse il bisogno espresso dal gestore, dal Comune di Comacchio, titolare del servizio, o dalla maggioranza dei genitori che hanno mostrato una estrema serenità e fiducia nei confronti del personale educativo.

Il 21 marzo scorso si è svolto presso il nido comunale d'infanzia "il giglio " l'incontro rivolto ai genitori sul tema "telecamere nei servizi per l'infanzia", condotto da Silvia Senigalliesi, psicopedagogista del Centro per le famiglie del Delta la Libellula. L'argomento di grande attualità, rimbalzato dai media nazionali ai social network, dopo recenti, incresciosi fatti di cronaca avvenuti in alcune località italiane, è molto sentito anche a Comacchio. Alcune mamme del territorio sono promotrici insieme ad altre di una raccolta di firme a livello nazionale, tesa a richiedere l'installazione delle telecamere negli asili. Buona è stata la partecipazione all'incontro, visto l'interesse suscitato dal tema del videocontrollo nelle strutture educative.
 
L'argomento non costituisce un tabù nè per il Comune di Comacchio, rappresentato dalla coordinatrice pedagogica Patrizia Buzzi, responsabile del servizio Pubblica Istruzione, nè dalla Cooperativa sociale Girogirotondo, che gestisce la struttura, rappresentata per l'occasione dal direttore Carla Carli e dalla coordinatrice pedagogica Agnese Malpeli e dal personale educativo. L'incontro si è svolto in un clima molto sereno e disteso, grazie ad un confronto franco e costruttivo.
Obiettivo principale è stato quello di porre al centro  la relazione di fiducia e di delega tra i genitori e le educatrici dei loro figli.
Si è ribadito quanto al centro del progetto pedagogico dei servizi per l'infanzia comunali ci sia sempre il bambino e il suo benessere, alla base del quale è fondamentale che famiglia e scuola costruiscano un'alleanza educativa per far si che i bimbi trascorrano serenamente la loro giornata al nido. Il nido è stato concepito come servizio che produce e dissemina cultura educativa per l'infanzia, inserito a sua volta nella rete dei servizi per la prima infanzia della Regione Emilia Romagna, che vanta i servizi  educativi più innovativi e di qualità a livello mondiale. 
 
Si è ritenuto fondamentale non limitare il dibattito sull'argomento  ai soli social network, dove si è sviluppato, ma di  calarlo  in un contesto reale, in un servizio vero come quello del nido,   in cui genitori e professionisti dell'educazione possono parlarsi guardandosi in faccia,  perchè argomenti  importanti come questo richiedono un dibattito serio ed approfondito,scevro di strumentalizzazioni con vuoti di confronto critico a scapito dell'ascolto reciproco, dello scambio attraverso la parola, il rispetto dell'opinione altrui, oltre che della propria. Quelli citati sono i limiti dello scambio di vedute che prende origine sui social network.
Grazie alla professionalità e alla preparazione di Silvia Senigalliesi e all'intervento competente delle educatrici, i genitori hanno potuto focalizzare cosa significa ENTRARE in un nido per un bimbo,  quanto sia  delicato il momento che attraversa  con la mamma ed il papà, quando quando viene affidato  ad un'altra persona  fino a quel momento sconosciuta. Il piccolo  prima di riconoscerla e fidarsi piange e  quindi va colto il significato di quel pianto, occorre saperlo distinguere da un pianto di un bambino che vive una situazione di disagio profondo o di eventuale maltrattamento.
 
Durante l'incontro e' stata inoltre affrontata  l'importanza che riveste questo passaggio per la crescita cognitiva psciologica di un essere umano e quanto sia determinante la presenza attorno al bambino dei genitori e di personale educativo che lavora in sintonia e in accordo con la famiglia. La relazione di accordo e fiducia si costruisce, passo dopo passo, attraverso momenti di facili comprensioni ed attraverso domande per risolvere dubbi, e quindi in primis attraverso il dialogo aperto e costruttivo, modalità di approccio che il personale del nido "Il giglio" mostra da sempre nella sua offerta educativa e professionale.
 
La conclusione alla quale si è giunti è quella secondo cui le telecamere non risultano una necessità, ma non sono escluse per un futuro, qualora se ne ravvisasse il bisogno espresso dal gestore, dal Comune di Comacchio, titolare del servizio, o dalla maggioranza dei genitori che hanno mostrato una estrema serenità e fiducia nei confronti del personale educativo.

Informazioni aggiuntive

  • Categoria: Segnalati
  • Organizzazione: Comune di Comacchio
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Luogo: Comacchio
  • Via: Comacchio, Via Fattibello
Letto 414 volte

Escursioni - Territorio

  • Escursione con: Motoscafo La Mora
    Da anni con la sua famiglia si occupa di pesca e da qualche tempo di escursioni fluviali - naturalistiche alla conoscenza del Parco del Delta del Po Emilia Romagna. Per…
  • Motoscafo Alessio
    Motoscafo Alessio, con portata max di 19 passeggieri, è la nostra barca usata per le visite classiche del Delta del Po. E' parzialmente coperta e con i suoi 8m di…
  • Escursione con : Agriturismo Quietovivere
    "Quietovivere" è un'oasi incastonata nelle località balneari, ma nello stesso tempo collegata, attraverso una vasta rete di canali, alle ben più estese e conosciute Valli di Comacchio. Al fine di…

Facebook

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

INFORMATIVA SUI COOKIES

I cookie sono file di testo contenenti informazioni minime inviate al browser e archiviate sul computer, telefonino o altro dispositivo dell'utente, ogni volta che si visita un sito web. A ogni collegamento i cookie rimandano le informazioni al sito di riferimento.
I cookie possono essere permanenti (cookie persistenti) se rimangono sul computer finché l'utente non li elimina, oppure temporanei (cookie di sessione) se sono disattivati alla chiusura del browser. I cookie possono anche essere cookie di prime parti se impostati dal sito visitato, oppure cookie di terze parti se inseriti da un sito diverso da quello visitato.
Come usiamo i cookie
Utilizziamo i cookie per migliorare la funzionalità dei nostri siti, consentire all'utente di spostarsi agevolmente tra le pagine, ricordare le sue preferenze e per garantire all'utente un'esperienza di navigazione sempre ottimale.
Cookie utilizzati e loro finalità
I cookie utilizzati nei nostri siti possono essere catalogati come segue (vedi la guida ai cookie redatta dalla ICC, International Chamber of Commerce):
I cookie indispensabili
Questi cookie sono fondamentali per consentire all'utente di spostarsi nel sito e utilizzare i servizi richiesti, come ad esempio l'accesso alle aree protette del sito.
I cookie indispensabili sono cookie di prime parti e possono essere permanenti o temporanei. Utilizziamo questa tipologia di cookie per gestire la fase di registrazione e accesso da parte degli utenti. Senza questi cookie l'utente non potrebbe accedere ai servizi richiesti e i nostri siti non funzionerebbero correttamente.
Performance cookie:
I performance cookie raccolgono informazioni sull'utilizzo di un sito da parte degli utenti, come ad esempio quali sono le pagine visitate con maggiore frequenza. Questi cookie non memorizzano dati identificativi dei singoli visitatori, ma solo dati aggregati e in forma anonima.
Usiamo questi cookie per:
- fini statistici, per capire come sono utilizzati i nostri siti
- misurare la distribuzione delle nostre campagne pubblicitarie.
Questi cookie possono essere di tipo permanente o temporaneo, di prime o terze parti. In sostanza, questi cookie raccolgono informazioni anonime sulle pagine visitate e i messaggi pubblicitari visualizzati.
Cookie di funzionalità
Questi cookie consentono al sito di ricordare le scelte dei visitatori (ad esempio il nome utente, la lingua o il Paese di accesso) e fornire funzionalità più personalizzate. I cookie di funzionalità possono servire anche per fornire servizi richiesti dall'utente, come l'accesso a un video oppure l'inserimento di un commento a un blog. Le informazioni utilizzate da questi cookie sono in forma anonima e non è possibile tracciare la navigazione degli utenti su altri siti.
Usiamo questi cookie per:
- ricordare se un particolare servizio è già stato fornito all'utente
- migliorare l'esperienza generale nel sito ricordando le preferenze dell'utente.
Questi cookie possono essere permanenti o temporanei, di prime o terze parti. In sostanza, questi cookie ricordano le scelte individuali fatte dagli utenti per migliorare la loro esperienza di navigazione.
Cookie pubblicitari:
Questi cookie sono impiegati per limitare le visualizzazioni di un annuncio pubblicitario da parte dell'utente e per monitorare la distribuzione delle campagne pubblicitarie.
I cookie pubblicitari sono utilizzati per gestire la pubblicità sul sito.
I cookie pubblicitari sono collocati da soggetti terzi, come ad esempio inserzionisti e loro agenti e possono essere permanenti o temporanei. In pratica, si tratta di cookie legati ai servizi pubblicitari forniti da terzi sul nostro sito.
Altri cookie di soggetti terzi
Su alcune pagine del nostro sito ci possono essere contenuti di servizi come YouTube o Facebook. Non controlliamo i cookie utilizzati da questi servizi, per cui invitiamo l'utente ad accedere al sito di questi soggetti terzi per le informazioni del caso.
Per limitare, bloccare o eliminare i cookie basta intervenire sulle impostazioni del proprio web browser. La procedura varia leggermente rispetto al tipo di browser utilizzato. Per le istruzioni dettagliate, cliccare sul link del proprio browser.
Safari iOS (iPhone, iPad, iPod touch) : http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT
Se il browser utilizzato non è tra quelli proposti, selezionare la funzione "Aiuto" sul proprio browser web per informazioni su come procedere.
Attenzione: alcune sezioni dei nostri siti sono accessibili solo abilitando i cookie; disattivandoli è possibile che l'utente non abbia più accesso ad alcuni contenuti e non possa apprezzare appieno le funzionalità dei nostri siti web.
Per saperne di più riguardo la gestione dei cookie sul browser dei dispositivi mobili, consultare il manuale utente specifico. Per ulteriori informazioni sui cookie è possibile contattarci direttamente all'indirizzo spozzati4@gmail.com
Utilizzando il sito senza rifiutare cookie e tecnologie simili online, gli utenti acconsentono al ricorso a tali tecnologie da parte nostra per la raccolta e l'elaborazione di informazioni.

Affari immobiliari

Youtube

Porto Garibaldi video

Ricette Video

Da vedere a Comacchio

  • Prev
Vicino al Ponte degli Sbirri, che prende il nome dalle antiche carceri al suo fianco, nel luogo in cui sorgeva un tempo
Sede degli ex Uffici del Monopolio di Stato per le saline di Comacchio  
Palazzo Patrignani come lo possiamo vedere risale probabilmente all’Ottocento. La costruzione bassa a due piani,
Costruito nel 1715 dal monaco Zanoli è stato restaurato dall’attuale proprietario e riportato all’antico splendore. Su
L'attuale PALAZZO VESCOVILE, un tempo dimora del governatore della città, diventa sede del vescovo soltanto a partire
Eretto nel 1631 - 1635, fu voluto, come il Trepponti dal Cardinale Pallotta. Ideato e progettato dall'architetto Luca
Costruito nel XVII secolo, collega Via Agatopisto con Via Buonafede.  
Eretto nel XVII secolo, unisce Via Cavour e Via Carducci Il Trepponti, forse il monumento civico più conosciuto, o
Ponte del Carmine situato in Via Giosuè Carducci Ubicato di fronte alla Chiesa del Carmine, risale al XVIII secolo.
Eretto nel XVII secolo, unisce Via Cavour e Via Carducci

Lascia qui le tue informazioni di interesse generale da pubblicare in questo spazio. Indica le tue domande, l'eventuale richiesta di entrare a far parte di quest spazio informativo.

: Via Mazzini
: 3287564328
Captcha
  Mail is not sent.   Your email has been sent.

Date da ricordare

Template Settings
Select color sample for all parameters
Red Green Olive Sienna Teal Dark_blue
Background Color
Text Color
Select menu
Google Font
Body Font-size
Body Font-family
Direction
Scroll to top